Divulgazione generale dei risultati

Tutto il materiale di sensibilizzazione e promozione riporterà la frase “Con il contributo economico di LIFE+ Programme finanziato dall’Unione Europea” e il logo LIFE+ Programme and Natura 2000 Network, spiegando l’importanza del progetto in termini di costituzione di una rete Natura 2000.

Le attività di divulgazione saranno rivolte ad un’ampia e vasta gamma di portatori di interesse. Gli obiettivi principali possono essere i seguenti:

– Decisori UE di enti pubblici nazionali, regionali e locali che governano aree dove il Falco Naumanni nidifica;

– ONG e associazioni ambientaliste italiane ed europee;

– Ornitologi;

– Giovani;

– Cittadini in generale.

Il coinvolgimento di questo pubblico amplificherà l’effetto di integrazione dei risultati del progetto, producendo effetti moltiplicatori in termini di visibilità e possibile replica dell’approccio alla presente iniziativa a livello europeo e nazionale. La forte presenza della specie prioritaria di riferimento nell’area del progetto garantirà una divulgazione globale e incanalata verso le aree dove questo tipo di azioni dirette di tutela possono essere facilmente replicate. Le attività di divulgazione si avvieranno insieme al progetto, seguendo tutte le fasi della sua realizzazione e segnando i suoi maggiori risultati in tutti gli stadi previsti, diffondendoli ai gruppi di riferimento. Essi sono qui sotto elencati:

– 3 Open Days del Falco Naumanni saranno organizzati insieme ai principali meeting del Comitato di Direzione, in particolare i seminari Kick-Off (di avvio), Intermedio e Finale che avranno luogo all’inizio, a metà e nella fase finale del progetto. Durante questi meeting una sessione aperta sarà dedicata al pubblico in genere che avrà l’opportunità di capire un po’ di più della presente iniziativa dai partner del progetto. In queste occasioni, rappresentanti della Commissione Europea, rilevanti portatori di interesse internazionali ed esperti ambientali saranno anche invitati come partecipanti. Il meeting di avvio per presentare il progetto sarà organizzato presso il Comune di Gravina in Puglia. Il seminario intermedio sarà organizzato da e nel Comune di Altamura rivolgendosi alla comunità internazionale scientifica. La Conferenza Finale sarà organizzata per un pubblico internazionale a Bruxelles dove accademici spagnoli, greci, turchi e di altri paesi europei potrebbero presentare i risultati dei gruppi di lavoro (vedi Azione 1).

– 3 Conferenze Stampa. I seminari Kick-Off, Intermedio e Finale costituiranno un’occasione per presentare il progetto sul Falco Naumanni agli operatori della comunicazione (operatori TV, stampa e delle nuove tecnologie ICT) invitando giornalisti del settore e in genere e riservando una sessione speciale alla loro attenzione. Essi saranno presi in considerazione in particolare per il loro ruolo strategico nel dare forma all’opinione pubblica sui temi di sensibilizzazione ambientale.

– Durante questi eventi, brochure del progetto e materiale semplice di comunicazione che spieghino il background del progetto, le attività e gli obiettivi, saranno distribuiti ai partecipanti (ogni partner avrà a sua disposizione circa 1.000 tra brochure e volantini – materiale leggero di comunicazione, e circa 150 manifesti ciascuno che saranno affissi in luoghi strategici in occasione di eventi di comunicazione particolarmente rilevanti come i meeting kick-off, intermedio e finale). Questi semplici strumenti di comunicazione saranno anche caricati in versione elettronica sul sito web del progetto del Falco Naumanni per essere a disposizione degli utenti che vorranno stamparli e condividerli.

– Mailing list dedicata. La rete dei partner del progetto costituita da relazioni istituzionali, accademiche e territoriali servirà per la creazione di una mailing list del progetto congiunta da usare per l’invio puntuale anche di prodotti specifici (resoconti tecnici ufficiali e stato del progetto di implementazione e risultati, articoli scientifici). Le diversecategorie di portatori di interesse a livello dell’Unione Europea saranno raggiunti anche sulla base di una specifica ricerca che sarà portata avanti a livello della Commissione Scientifica (Azione A.1).

– 1 video-documentario sul Falco Naumanni nell’area del progetto sarà realizzato per la massima diffusione e visibilità degli interventi portati avanti, specialmente riguardanti a) le migliori pratiche sperimentate e b) i risultati scientifici della Commissione Scientifica sulla base dei dati raccolti dai sensori Argos.

– 1 pubblicazione finale del progetto di circa 120 pagine, che presenti il progetto complessivamente e i suoi principali risultati tecnici e ambientali, sarà prodotta in 1.000 copie (500 in italiano, 500 in inglese). La pubblicazione sarà distribuita in maniera mirata a portatori di interesse nazionali e internazionali.

 Ragioni per le quali questa azione è necessaria:
La strategia di comunicazione ha un duplice aspetto che si rivolge agli attori specializzati del settore e al più vasto pubblico. Questi obiettivi eterogenei saranno perseguiti impiegando strumenti differenziati, modellati sul diverso pubblico beneficiario. La sensibilizzazione dei decisori sui temi sensibili del progetto come la tutela dei siti di riproduzione e degli agro-sistemi, ad es. l’habitat trofico, sarà ottenuta invitandoli al meeting di presentazione del progetto e insistendo sul bisogno di una collaborazione pubblico-privata trasparente e orientata verso l’ambiente. Il progetto avrà cura di fare comunicazione a livelli differenti, rendendo evidente la filosofia del progetto attraverso un’attenta traduzione dei risultati tecnici e dei risultati globali con termini appropriati e comprensibili.
Beneficiario responsabile della realizzazione
Gravina
Risultati attesi (informazioni quantitative ove possibile)
10.000 tra brochure, volantini e materiale leggero per la divulgazione, stampati e distribuiti.

750 manifesti collocati in luoghi visibili per presentare le iniziative specifiche di comunicazione del progetto come gli Open days del Falco Naumanni.

Circa 50 partecipanti a ogni Meeting degli Open Days (Kick-off, Intermedio e Finale), 150 in totale.

100 tra decisori locali, regionali e nazionali informati attraverso una comunicazione mirata sull’avanzamento del progetto.

Circa 3 articoli pubblicati su quotidiani, giornali, riviste ecc. italiani, locali, regionali e nazionali.

Almeno 1 articolo pubblicato su riviste e giornali scientifici internazionali.