Monitoraggio dei siti-dormitorio (stima della popolazione della colonia)

Il monitoraggio dei siti-dormitorio dovrebbe avvenire ogni anno da aprile a settembre, quando il Falco Grillaio è presente nell’area del progetto.

MONITORAGGIO DELLA COLONIA DEL FALCO GRILLAIO

Metodologia per stimare la popolazione del Falco Grillaio.

La tecnica per stimare il numero della popolazione del Falco Grillaio nell’area appulo-lucana è basata su una particolare abitudine di questa specie. Essi si appollaiano su alberi singoli o gruppi di alberi per trascorrere la notte.

Questi alberi sono quei luoghi chiamati “dormitori” che, la maggior parte delle volte, sono ubicati all’interno delle città, anche in aree affollate. I dormitori possono essere singoli o più dormitori, disseminati intorno all’ambiente urbano, a seconda delle dimensioni della colonia.

Generalmente, il tipo di albero utilizzato come dormitorio è il pino d’Aleppo (Pinus halepensis), ma a volte possono essere scelti anche altri alberi come i pini (Pinus pinea) o le querce (Quercus ilex), in condizioni vegetative favorevoli.

Per contare i gheppi minori su un considerevole numero di dormitori, sono necessarie numerose persone, almeno due per ogni dormitorio, che simultaneamente portano avanti il conteggio nella stessa serata. Praticamente le persone che stanno eseguendo il conteggio stanno a una distanza tale che permetta una buona visuale della corona dell’albero e del suo circondario.

Un’ora prima del tramonto, i falchi grillai cominciano ad arrivare pochi per volta, appollaiandosi in ordine sui rami. L’osservatore conta i falchi grillai mentre stanno entrando nella corona dell’albero. I dati sono poi registrati in una scheda che raccoglie informazioni relativi a

a) inizio e fine del conteggio,

b) albero utilizzato,

c) ubicazione del dormitorio,

d) coordinate geografiche,

e) possibile presenza di altre specie di uccelli e

f) numero totale degli esemplari.

Questo censimento della colonia è eseguito per la maggior parte nel periodo pre-riproduzione, nello specifico, dagli ultimi giorni di aprile alla prima settimana di maggio.

Il bisogni di eseguire il conteggio simultaneamente nello stesso giorno, e non diversamente, è dovuto al fatto che alcuni gheppi minori possono spostarsi da una colonia all’altra (da una città o villaggio ad un altro posto, specialmente gli esemplari che non si riproducono e non sono legati alla colonia di accoppiamento).

Un conteggio simultaneo impedisce agli operatori di sbagliare.

MONITORAGGIO DEL’ATTEGGIAMENTO DEI PROPRIETARI DEI SITI-DORMITORIO E DELLA POPOLAZIONE NEI CONFRONTI DELLA SPECIE IN SEGUITO ALL’INTERVENTO DEL PROGETTO

Durante l’azione di sensibilizzazione dei proprietari di siti-dormitorio, sarà proposto agli stessi un semplice questionario, mentre alcuni workshop (a seconda del numero dei proprietari da incontrare), rivolti a gruppi di ricerca formati da cittadini, saranno realizzati con il supporto di un facilitatore assunto per questo scopo. Questo questionario informerà, attraverso domande precise, sui comportamenti della specie, sul progetto e le sue azioni e sulla maniera in cui l’iniziativa propone di limitare i piccoli possibili problemi generati dalla presenza di una colonia di gheppi minori in città. Ogni strumento comunicativo sarà pensato specificatamente per il target selezionato al fine di raggiungere il miglior risultato in termini di cambiamento dei comportamenti. La ricerca sarà condotta immediatamente all’avvio del progetto e, successivamente, eseguita alla fine di ogni stagione dell’accoppiamento. Saranno realizzate anche delle interviste e inserite all’interno di un video documentario previsto nell’azione E. 8.

Ragioni per le quali questa azione è necessaria:
C’è un’estrema urgenza di coordinare i numerosi sforzi nelle diverse aree in Europa sulla base di una metodologia condivisa, al fine di fornire dati più attendibili sulla presenza del gheppio minore nella regione paleartica. Lo stesso Piano d’Azione UE per il gheppio minore fornisce dati molto oscillanti che vanno da 25.000 a 42.000 coppie (BirdLife International, 2010) e indica il bisogno di una più accurata valutazione delle dimensioni della popolazione reale. Questo obiettivo può essere raggiunto solo attraverso un ampio e totale sforzo di concordanza nell’ambito di un forum internazionale.
Beneficiario responsabile della realizzazione
Gravina
Risultati attesi (informazioni quantitative ove possibile)
Un’analisi più accurata della popolazione del gheppio minore delle due colonie interessate dalle attività del progetto a Gravina in Puglia e Altamura. Consegna della relazione annuale del monitoraggio sulla popolazione del gheppio minore nell’area del progetto.