L’approvazione di un regolamento edilizio a livello comunale mira a un più attento monitoraggio del rispetto del regolamento regionale sull’edilizia. Questo regolamento regionale (n. 24/2005) stabilisce le “Misure di conservazione relative a specie prioritarie di importanza comunitaria di uccelli selvatici nidificanti nei centri edificati ricadenti in Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e in Zone di Protezione Speciale (Z.P.S.)”.

Questo regolamento richiede nello specifico che “tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, consolidamento, risanamento igienico e ristrutturazione edilizia, devono essere realizzati conservando i caratteri tipologici delle coperture e ripristinando materiali, colori e tecnologie costruttive della tradizione storica locale”; “devono essere conservati tutti i passaggi per i sottotetti, le cavità o nicchie utili ai fini della riproduzione del Falco Grillaio (Falco Naumanni) o, in alternativa, devono essere posizionati nidi artificiali in un numero congruo indicato da apposito studio allegato alla richiesta di intervento edilizio (T.U. Edilizia D.P.R. 380/2001)”. Questo regolamento si applica anche alla costruzione di nuovi edifici. Inoltre, lo stesso regolamento vieta di abbattere alberi utilizzati come siti-dormitorio o di modificare aree verdi esistenti e vieta l’installazione di impianti di illuminazione ad alta potenza e di sorgenti sonore che possano creare disturbo alla fauna nelle aree di vegetazione naturale come le gravine e le aree di steppa limitrofe al centro urbano.

Considerando che all’interno di questo regolamento il ruolo di monitorare l’applicazione delle prescrizioni qui contenute e di segnalazione alla Regione su base mensile è assegnata ai Comuni, la presente proposta mira ad accrescere il potere vincolante del regolamento a livello locale. A questo proposito, il regolamento edilizio dovrebbe contenere linee guida più specifiche che permettano ai tecnici edilizi di prevedere effettivamente misure di salvaguardia per il Falco Naumanni nella fase progettuale dell’intervento. In caso di maggiore complessità (complessi architettonici ampi, chiese ecc.) dovrebbe essere prevista l’attività di consulenza di un ornitologo con competenze specifiche. La stesura e la realizzazione del regolamento edilizio terrà conto dei risultati ottenuti con le azioni portate avanti nella presente proposta, cioè C.1, C.2 e C.4. Questo progetto sarà predisposto con il sostegno del servizio regionale responsabile del monitoraggio ambientale e presentato per la valutazione e l’approvazione agli uffici comunali competenti.

Ragioni per le quali questa azione è necessaria:
Questa azione è necessaria perché il regolamento regionale in vigore sopra menzionato, anche se valido nei suoi principi, resta spesso largamente inapplicato o non capace di garantire la protezione dei siti di nidificazione a causa della rozzezza degli interventi realizzati. A questo proposito l’azione di monitoraggio già in corso e che, dall’inizio di settembre 2011, sarà sostenuta dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia in collaborazione con la LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli e il Politecnico di Bari sta confermando questa tendenza.
Beneficiario responsabile della realizzazione
Gravina
Risultati attesi (informazioni quantitative ove possibile)
– Stesura dei regolamenti municipali per l’applicazione a livello locale della legge regionale pugliese n. 24/2005 che stabilisce le regole per la protezione dei siti di nidificazione/riproduzione del Falco Naumanni all’interno dei centri storici ubicati nei Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e in Zone di Protezione Speciale (Z.P.S.).

– Nuove costruzioni realizzate secondo i regolamenti regionali e comunali per la protezione degli uccelli prioritari dell’UE inclusi nell’Allegato I della Direttiva Uccelli.

Stima dei costi (verificare la coerenza con i moduli F)
Sostegno nella stesura del regolamento comunale (Regione Puglia). Vedi anche “Linee guida e materiale di sensibilizzazione per gli architetti (stampa ed editing)” (3.500 euro), inclusi in E2 – Formazione per architetti e imprese edilizie.
 nidoartificiale
Pullo di Falco Naumanni in un nido artificiale a Gravina in Puglia (2011)